Salta al contenuto principale

Acustica intelligente per la piattaforma per architetti

Acustica intelligente per la piattaforma per architetti

Lavorare e vivere in locali dallo stile industriale è molto popolare. L'aspetto simile a una fabbrica conferisce allo studio della piattaforma leader in Germania per bandi per architetti (www.competitionline.com) un fascino grezzo. L'unico problema: i soffitti alti e le superfici lisce in cemento, massetto e vetro rappresentano una sfida dal punto di vista acustico. Tuttavia, grazie a un arredo di interni intelligente si è riusciti a risolvere anche il problema dell'assorbimento acustico, a cui contribuiscono in buona parte i tessuti akustik di drapilux.

Prima del trasferimento nella Friedrichstraße a Berlino nel novembre 2018, l'ufficio era più grande, pur avendo lo stesso numero di dipendenti, ma l'antico edificio in cui è stato fondato lo studio presentava difetti significativi. "L'obiettivo del trasferimento era quello di migliorare la qualità e garantire una sede nel lungo periodo", spiega la titolare dell'azienda Angelika Fittkau-Blank. Qui oggi lavorano 35 dipendenti su una superficie di 365 metri quadrati.

I dipendenti di competitionline redigono e pubblicano ogni giorno articoli specialistici sulle tendenze e il potenziale di mercato, oltre 30.000 gare d'appalto e i risultati dei concorsi per architetti. Queste attività richiedono molta concentrazione, che può essere raggiunta solo in un ambiente privo di rumori. Negli spazi aperti, tuttavia, è difficile lavorare in tranquillità. "Per questo motivo, quando i lavori erano appena iniziati, abbiamo deciso di recarci in cantiere con esperti di acustica per ottenere una consulenza su come garantire un'acustica uniforme in locali dalle dimensioni diverse, che vanno dai 30 ai 150 metri quadrati", commenta il direttore di competitionline Dirk Bonnkirch. Dal momento che il vecchio ufficio era già dotato di speciali deflettori acustici, è stato possibile trasferire questo sistema anche nel nuovo ufficio. Ma questo sistema non bastava: al momento della scelta dell'arredo degli interni, ci si è concentrati proprio sull'aspetto acustico. "Sia le pareti divisorie tra le postazioni di lavoro che le tende, la moquette e persino alcune delle lampade che abbiamo selezionato sono speciali elementi fonoassorbenti", spiega Tanja Ptacek, responsabile della redazione dei risultati e dell'assistenza clienti, che si è occupata dell'arredamento dei locali del nuovo ufficio.

 

drapilux Referenza casa editrice competitionline, Berlin
drapilux Referenza casa editrice competitionline, Berlin

Selezione dei materiali in base ai requisiti acustici

Per la scelta dei tessuti, competitionline ha optato per speciali tessuti fonoassorbenti del marchio drapilux. I tessuti akustik vengono classificati secondo la procedura disciplinata dalla norma DIN EN 11654 in una delle classi di assorbimento acustico A, B, C, D o E, le quali si basano sul coefficiente di assorbimento acustico ponderato. Sulla base dei requisiti acustici di un ambiente interno, si determina qual è la classe di assorbimento acustico necessaria. drapilux offre tessuti di tutte le classi di assorbimento acustico, che completano il grado di assorbimento acustico già presente nei locali, indipendentemente dalla frequenza. Le proprietà acustiche dei tessuti akustik sono state testate tramite complesse procedure di collaudo.

I tessuti, tuttavia, non devono garantire solo funzionalità, ma anche estetica. Gli uffici della casa editrice presentano tonalità blu-grigio, mentre la moquette nella sala conferenze e nelle sale riunioni ha colori naturali, in linea con il rovere dei davanzali delle finestre e il pavimento. "Abbiamo puntato sul contrasto cromatico, inserendo tende rosa in una piccola sala riunioni", spiega Ptacek. La "sala rosa" offre un contrasto davvero sorprendente. "Questo colore crea un contrasto perfetto con le superfici dure in cemento. Ma non è tutto: le tende e la morbida moquette conferiscono a questo locale un'atmosfera davvero unica rispetto al resto dell'ufficio", sottolinea il direttore Bonnkirch. "Qui abbiamo voluto creare un'atmosfera un po' più da "lounge", più intima e confortevole che negli altri locali; un luogo in cui dare libero sfogo alla creatività e a un po' di brainstorming gratuito. Inoltre, il contrasto cromatico va a stimolare il cervello". 

"Ai dipendenti piacciono l'acustica, l'atmosfera e il design dei locali. La qualità del lavoro è eccellente, sebbene il nuovo ufficio sia del 30% più piccolo rispetto a quello precedente. La prima volta che siamo venuti in cantiere, era impossibile comunicare normalmente", prosegue Bonnkirch. "Ora dieci persone possono lavorare contemporaneamente nello stesso locale, senza problemi. Non mi accorgo neanche se qualcuno sta telefonando a pochi metri di distanza".

Fotos: © Koy+Winkel

Condividi ora

|