Salta al contenuto principale

Cure orientate al prossimo in una cornice particolarmente accogliente

Cure orientate al prossimo in una cornice particolarmente accogliente

Per una persona anziana andarea vivere in una casa di cura rappresenta sicuramente un cambiamento radicale.   Il paziente infatti non abbandona soltanto l'ambiente familiare, ma gli è richiesto anche di affidarsi alle cure di altre persone. Per facilitare questo ostico passaggio si può ricorrere a un piano di allestimento e assistenza olistico, come dimostra la casa di cura per pazienti che necessitano di assistenza totale Haus Limone gestita dall'istituzione Vita Tertia di Offenburg, Germania.

Cure orientate al prossimo in una cornice particolarmente accogliente
Cure orientate al prossimo in una cornice particolarmente accogliente

“Siamo i primi in Germania a lavorare in questa casa di cura secondo la filosofia francese dell’Humanitude, ovvero cure basate su una relazione di umanità”, racconta Sandra Greiner, direttrice di Haus Limone. L’approccio ideato e sviluppato da Yves Gineste e Rosette Mariscotti ha riscosso un notevole successo in Francia e nei paesi francofoni, mentre in Germania è ancora relativamente sconosciuto. Questa filosofia e metodologia si fonda sul bisogno di ogni uomo di relazionarsi con altre persone per potersi identificare e conoscere come essere umano. La qualità delle relazioni interpersonali assume in questo caso un ruolo di primaria importanza e si palesa nel tipo di dialogo, di interazione e di contatto con i pazienti.   “Questo significa ad esempio che la mattina li svegliamo toccandoli con la massima delicatezza, facendo attenzione a come hanno dormito durante la notte” aggiunge la direttrice. La Haus Limone si è prefissata come obiettivo di andare incontro alle esigenze individuali dei pazienti, lasciando loro la libertà di decidere e offrendo un’assistenza in tutto l’arco della giornata. È inoltre importante nel limite del possibile che i pazienti conservino la loro autonomia il più a lungo possibile. Sandra Greiner aggiunge al riguardo: “Anziché decidere per gli anziani e intervenire, privandoli inutilmente di alcune attività, diamo loro il tempo necessario per fare le cose da soli. Ecco che vestirsi richiederà quindi un po’ più di tempo.” 

Cure orientate al prossimo in una cornice particolarmente accogliente
Cure orientate al prossimo in una cornice particolarmente accogliente

Essendo l’interazione la componente principale delle relazioni interpersonali, la Haus Limone offre numerose possibilità. Vi sono stanze per gruppi e una stanza luminosa adibita all’incontro aperte a tutti. Qui i pazienti possono trascorrere il tempo con le persone che fanno loro visita e festeggiare di volta in volta il compleanno o l’anniversario di matrimonio. A completare l’offerta vi è anche un ampio ventaglio di attività: ogni settimana una partita a bingo e quando viene invitato un musicista sono tutti pronti a fare quattro salti in pista. Vengono accolti di buon grado anche gli incontri con i bambini dell’asilo del vicino centro Montessori. Nell’ambito di questa cooperazione un gruppo di bambini  fa visita regolarmente alla Haus Limone o sono alcuni dei pazienti a recarsi all’asilo. “Intendiamo creare un contesto in cui gli anziani possano trovare una nuova casa”, afferma Sandra Greiner.

I tessuti creano un’atmosfera di benessere con un’esplosione di colori

L’allestimento della casa di cura supporta l’approccio assistenziale. L’idea di partenza era generare un luogo con un’atmosfera familiare in cui le persone anziane potessero sentirsi pienamente a proprio agio. Per rendere la struttura meno dispersiva, le 45 camere singole sono state suddivise in tre spazi abitativi con 15 camere ognuno: Artà, Deià e Inca, nominate secondo le tre piccole località dell’isola di Maiorca. Un piano cromatico con accostamento armonioso di tonalità intonate tra loro contraddistingue le singole aree.  Anche i tessuti quali tende e fodere contribuiscono ad aumentare il grado di benessere. La scelta è ricaduta sui tessuti drapilux. “Ci hanno convinti la resistenza e la dotazione dei tessuti con funzioni aggiuntive intelligenti”, spiega Sandra Greiner. Tutti gli articoli del produttore di Emsdetten (Germania) sono ignifughi (drapilux flammstop) e presentano inoltre una funzione di purificazione dell’aria (drapilux air), una funzione antibatterica (drapilux bioaktiv) o proprietà fonoassorbenti (drapilux akustik).

Cure orientate al prossimo in una cornice particolarmente accogliente
Die Arta-Zimmer erstrahlen im leuchtenden Pink

Come rivestimento per mobili sono state scelte tre diverse colorazioni dell’articolo drapilux 107 in abbinamento al piano cromatico concepito per il relativo spazio. La stoffa è dotata della funzione aggiuntiva drapilux air, grazie alla quale vengono neutralizzati i cattivi odori in modo tale che il tessuto contribuisca a generare aria fresca nella stanza. Anche le tende nelle camere Artà sono dotate di questa funzione. Qui a ornare le finestre è il drapilux 101, un tendaggio effetto lino falso unito semitrasparente di colore fucsia. Negli altri due spazi abitativi è stato selezionato invece l’articolo drapilux 102. Si tratta di un tessuto coprente falso unito dotato della funzione drapilux all in one, che combina la proprietà purificante di drapilux air con l’azione antibatterica di drapilux bioaktiv. Quest’ultima debella fino al 99% di batteri presenti sul tessuto. Nello spazio Deià il tessuto porta la freschezza del verde nelle stanze, mentre nelle camere Inca è la gradevolezza del giallo a generare non solo un’aria salubre, ma a mettere anche di buon umore. 

Le reazioni dei pazienti e dei visitatori evidenziano che l’idea di partenza è stata attuata con successo. “La prima cosa che dicono tutti è che non sembra di essere in una casa di cura, ma sembra quasi di trovarsi in hotel”, asserisce raggiante Sandra Greiner. Il progetto convince sull’intera linea:  tutti i posti disponibili nella casa inaugurata a marzo del 2018 sono infatti occupati e sono state già stilate liste di attesa.

Condividi ora

|